sabato 21 settembre 2013

Pane nel cestino da lievitazione

Ed alla seconda prova sono comparsi i segni del cestino, evviva! Parlo sempre del cestino da lievitazione che ho usato per fare il soffice triangolo ai mirtilli secchi, in quel caso di segni del cestino neanche l'ombra ma questa volta sono evidentissimi.
Avevo capito da subito che l'altro impasto era troppo idratato e che forse la farina per lo spolvero non era sufficiente.
L'impasto base nr 3 della Cuochina invece è perfetto. Ho utilizzato 1,5 degli ingredienti dell'impasto base, alla fine era circa 600 gr.

Ingredienti
  • 130 gr di preimpasto
  • 160 gr di acqua tiepida
  • 105 gr di semola rimacinata
  • 105 gr di farina di forza
  • 105 gr di farina debole
  • 1/2 cucchiaino di malto
  • 2 cucchiaio d'olio evo
  • 1 cucchiaino scarso di sale
  • farina per spolvero
Preimpasto
Nel primo pomeriggio ho rinfrescato 20 gr di licolfico con pari peso di acqua e farina di forza e lasciato lievitare, la sera tardi ho unito 100 gr di acqua e 100 gr di farina di forza, mescolato, travasato in un contenitore pulito e lasciato lievitare, per tutta la notte, nel luogo più fresco della casa.
Impasto
L'indomani mattina ho messo nella planetaria 130 gr di questo preimpasto (con la restante parte ho fatto lo gnocco di Daniela coperto di fette di cipolla, buonoooo!) a cui ho aggiunto l'acqua tiepida, il malto, le farine setacciate e fatto impastare brevemente. Ho fatto riposare per 30 minuti circa.
Ho riavviato la planetaria ed aggiunto l'olio ed il sale e fatto incordare. Ho trasferito l'impasto in una ciotola unta, coperto con pellicola per alimenti, con un canovaccio e lasciato lievitare fino al raddoppio (primo pomeriggio). Quindi ho fatto due pieghe a tre, arrotondato, abbondantemente spolverato di farina e inserito nel cestino triangolare da lievitazione, aiutandolo ad adagiarsi nella forma triangolare.
Ho coperto la forma con pellicola per alimenti, un canovaccio, lasciato lievitare per 2 ore circa, messo in una busta di plastica e, quindi, in frigo fino al mattino successivo.
Il mattino dopo l'ho lasciato lievitare a temperatura ambiente, fino a quando non ha raggiunto il bordo del cestino.
L'ho capovolto nella leccarda ricoperta da carta forno e fatto cuocere a  220°C. per 15 minuti, quindi ho diminuito a 200°C e fatto cuocere fino a doratura.
Sofficissimo!!
NB. Il cestino, dato che è in materiale naturale, se non lo si lava subito dopo il suo uso e non lo si fa asciugare ben bene prima di metterlo da parte, tende a fare la muffa




Anche questa è per la


*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
*******************************



12 commenti:

  1. Ma che belloooooo uno spettacolo la bontà e' garantita visto che l'hai fatto tu !!!!!!
    A prima vista sembra una forma di formaggio che c'è da noi .......
    Buon fine settimana con bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero??? Sembra una forma di formaggio, invece è pane :)
      Grazei cara

      Elimina
  2. Madonna che bello Anna, e splendido da vedere hai ragione, questa volta è venuto meglio, sul sapore non ho dubbi...sto cercando di fare licolfico, lui si muove poco ma io insisto... questi cestini si trovano solo da Amazon o, che tu sappia anche da altre aziende? ma di che materiale sono? mi piace proprio...un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Anna ho ordinato il cestino su Amazon, 5 minuti fa, ho preso quello rotondo con diametro 25, va bene penso, più grande non ne faccio di pane, sono curiosa di provare,il tuo è stupendo...baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tamara, ma dai!!! Lo hai ordinato??? Mamma mia... spero che ti dia la soddiasfazione che dà a me questo mio!
      A me lo hanno regalato, infatti, triangolare non si vende in altri posti.
      25 cm è fin troppo grande, il mio ha i lati da 20 cm ed è alto 8 cm.
      Come procede licolfico? Non desistere, continua con i rinfreschi.
      Non vedo l'ora di vedere come viene rotondo, sarà bellissimo!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. E' BELLISSIMO!! Lì per lì da tanta perfezione pensavo fosse una sfoglia di quelle con la crema al latte... semplicemente MERAVIGLIOSO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, oltre che bello è anche morbido e buono :)

      Elimina
  5. Un pane buonissimo e dall'aspetto soffice e fragrante, mi immagino il buon odore che usciva dal forno! Inoltre questo metodo di lievitazione nel cestino è davvero fortissimo! L'aspetto del pane è bellissimo e si vede che è fatto proprio bene. Che dire? Io mi unisco subito ai tuoi lettori per non perderti di vista e ne approfitto per invitarti a passare anche da me se ti va per conoscerci e scambiare quattro chiacchere. Alla prossima!
    http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. arrivato!!! Anna è arrivato un'ora fa, da Amazon, dopo faccio la foto...io l'ho preso di 25 x8,5 è un po' grandino, ma l'altro era troppo piccolo, sono molto carini...
    licolfico stenta a crescere, ed io vado avanti, se stasera lo vedo meglio lo impasto e poi vediamo, perché domani vado fuori alla festa della birra di Apecchio se mi tocca comunque metterlo in frigo...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello Tamara, è arrivato prestissimo!
      A proposito, ho messo questa annotazione nei due post con i lievitati nel cestino:
      "Il cestino, dato che è in materiale naturale, se non lo si lava subito dopo il suo uso e non lo si fa asciugare ben bene prima di metterlo da parte, tende a fare la muffa."

      Se permetti, ti consiglierei di non usare licoli se non è partito, potrebbe non lievitare. Licoli deve più che raddoppiare in 3 o 4 ore, solo in quel caso si può considerare partito e lievita.
      Puoi tenerlo un giorno intero fuori dal frigo, basta che stia in un posto non esageratamente caldo. Secondo me domani ti conviene lascirlo tranquillo fuori dal frigo, potresti trovare una bella sorpresa al tuo rientro. E' sufficiente che lo rinfreschi prima di uscire e dopo che rientri.
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Ciao Anna! Sembra un mega-onoghiri! Quando capirò questi licoli forse potrò farlo anch'io!!!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)