martedì 24 novembre 2009

Pandoro delle Simili con lievito liquido


E dopo il Panettone, mi sono cimentata anche con il Pandoro!!!!
E' da tantissimi anni che non mangio il pandoro, onestamente non mi ricordo bene il suo sapore.
Mi sembra di ricordare che ha un sapore abbastanza forte di burro, e che è ricoperto di zucchero a velo.
Per questo ho cercato di seguire il più possibile la ricetta originale delle Simili. Ma, per soddisfare la mia voglia di usare il lievito liquido (licoli), per forza maggiore ho dovuto modificarla.
Non potevo fare la dose intera, avrei dovuto usare lo stampo da pandoro da 3 litri che non avevo, ed in più, se il risultato fosse stato un disastro?................... ?????
Ne ho fatta metà dose ed ho riempito 3 stampi piccoli da panettone.


Questa è la fetta, mangiata con lemon curd, vi assicuro che è .............issima!!!!!!!! ^-^


Ho provato anche a metterli in piedi al contrario, come dei baba. D'effetto, ma per niente pandoro!


Solo uno diviso a metà e fotografato nella posizione baba.

N.B. licoli rinfrescato 3 volte venerdì (alle 8:00, 16:00, 24:00), e 2 volte sabato (alle 8:00, 14:00) nelle presenti proporzioni: licoli 100%, acqua 100%, farina di forza 100%:
(venerdì)
Ho fatto 3 rinfreschi
ore 8:00 .......... 20 gr di licoli + 20 gr di acqua + 20 gr di farina di forza
ore 16:00......... 60 gr di licoli + 60 gr di acqua + 60 gr di farina di forza
ore 24:00........ 180 gr di licoli + 180 gr di acqua + 180 gr di farina di forza

(sabato)
ore 8:00 ....... 20 gr di licoli rinfrescato il giorno prima (venerdì) + 20 gr di acqua + 20 gr di farina di forza
ore 14:00 ....... 60 gr di licoli + 60 gr di acqua + 60 gr di farina di forza

(Con licoli eccedente ho fatto il poolish e poi diversi tipi di pane.)


Sabato ore 23:30 ..... Lievitino

INGREDIENTI
15 gr di licoli rinfrescato 5 volte
30 gr di acqua tiepida
15 gr di farina di forza
1/2 cucchiaino di zucchero


Sciogliere licoli con l'acqua tiepida, unire lo zucchero, la farina e mescolare con un cucchiaio.
Avvolgere con una copertina e far lievitare.

Domenica ore 7:00 ..... Primo impasto

INGREDIENTI
100 gr di farina di forza
tutto il lievitino
10 gr di licoli lasciato da parte a temperatura ambiente
13 gr di zucchero
15 gr di burro (lasciato a temperatura ambiente dalla sera precedente)
1 cucchiaio d'acqua
1 uovo


Nella planetaria sciogliere i 10 gr di licoli con il cucchiaio d'acqua, aggiungere il lievitino, lo zucchero, l'uovo e la farina e mescolare con un cucchiaio. Unire il burro ammorbidito a temperatura ambiente e far mescolare con il gancio a foglia, far amalgamare bene il tutto.
Travasare in una ciotola leggermente imburrata, coprire e far lievitare fino al raddoppio (6 ore circa).

Domenica ore 13:00 ..... Secondo impasto

INGREDIENTI
130 gr di farina di forza
primo impasto
50 gr di zucchero
1 uovo
1/2 cucchiaino di sale
1/2 stecca di vaniglia (i semini)

(50 gr di burro per sfogliare)


Rimettere nella planetaria il primo impasto lievitato, l'uovo, lo zucchero, la farina, il sale e i semi di vaniglia e far mescolare bene con il gancio a foglia.
Mettere l'impasto in una ciotola, leggermente imburrata, e far lievitare fino al raddoppio.
L'impasto è abbastanza morbido.

* Domenica ore 20:00 ..... Mettere l'impasto in frigo per 30 minuti o anche di più.
* Domenica ore 21:00 ..... Unire il burro all'impasto e, con una spatola, cercare di amalgamare il tutto. Mettere in frigo.
* Domenica ore 22:00 ..... Con l'aiuto di una spatola, ripiegare l'impasto. Mettere in frigo.
* Domenica ore 23:00 ..... Con l'aiuto di una spatola, ripiegare l'impasto. Mettere in frigo.
* Domenica ore 24:00 ..... Dividere in tre parti (ognuno 185 gr circa) e con le mani imburrate, fare una palla ed inserirla nello stampo imburrato. Continuare con le altre due parti. Mettere a lievitare in luogo caldo.

Io li ho messi nel forno a 30°C per un'ora circa, ho coperto l'imboccatura del forno con una coperta, per non far disperdere il calore creatosi, ed ho lasciato lievitare per tutta la notte.


* Lunedì ore 9:00 ..... Ho riacceso il forno a 30°C per far lievitare sino al bordo dello stampo ( 3 ore circa).


* Lunedì ore 12:00 ..... Infornare a 170°C per 15 minuti, poi abbassare a 160°C e continuare per altri 10 minuti.
Sformare e far raffreddare. Cospargere con zucchero a velo.


Considerazioni:
- L'impasto è molto morbido, per questo non si può sfogliare come da ricetta originale.
- Gli orari sono indicativi, io l'ho fatto nei ritagli di tempo (avevo, in contemporanea, parenti a casa arrivati per la cerimonia del primo anniversario di morte di mia suocera)
- Ho usato solo 50 gr di burro per sfogliare, ma se ne può usare sino a 70 gr, se si preferisce il sapore burroso (per me andava bene così)
- Uno l'abbiamo mangiato appena si è raffreddato, moooolto buono!! Gli altri due li ho divisi a metà, avvolti in pellicola per alimenti, imbustati e messi in freezer.
- Direi che anche questo esperimento sia andato abbastanza bene ^-°

*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
*******************************


 

15 commenti:

  1. Anna, mi sembra che tu abbia otttenuto un risultato perfetto...bravissima!!così hai potuto riassaporare il sapore!!

    ho qui al mio fianco la ricetta..devo solo prendere coraggio ed iniziarla!!

    ciao e complimenti ancora!

    RispondiElimina
  2. anna,
    lo so che mi ripeto, ma sei davvero davvero M I T I C A!
    i tuoi pandoro sono bellissimi, e questi quasi quasi...
    io continuo a seguirti ammirata ;-*

    RispondiElimina
  3. che spettacolo!!! complimenti davvero!

    RispondiElimina
  4. Mio Dio Anna ti adoro per aver pubblicato questa ricetta! Io e Moreno AMIAMO il pandoro! Durante le feste mangeremmo solo quello (se solo potessimo...).
    Ieri ho provato a fare i manju! ^^ Solo che invece della marmellata di zucca li ho fatti con la marmellata di azuki. Senti, posso chiederti un consiglio? Cuocendoli al vapore (ho un cestello di cottura come il tuo) la pasta si è tutta attaccata al metallo. Come posso evitarlo? In più come faccio a piegarli in modo che non mi vengano pieni di pasta da un lato e sottiletta dall'altro?
    Grazie! ^^

    RispondiElimina
  5. Bellissimi questi pandori, l'anno scorso l'ho fatto però gli mancava qualcosa nell'aroma, la pasta era ottima, ma forse ho messo poca vaniglia, voglio ricontrollare la quantità con la tua ricetta! a presto

    RispondiElimina
  6. Bravissima veramente bravissima ............... non ci sono altre parole per sottolineare la tua bravura e costanza
    io non ho ancora pensato ai dolci per Natale e poi questa settimana l'abbiamo dedicata all'influenza quindi tutti a riposo e lievito in frigo!!!!!

    Ciao una grande abbraccio tesoro
    Manu

    RispondiElimina
  7. ha un aspetto molto invitante e fa venire davvero voglia di provarla questa ricettina...

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che buono! Io adoro il Pandoro e adesso che ho il mio lievito madre posso iniziare la produzione di Pandori e Panettoni.
    Ciao.
    Orchidea
    www.viaggiesapori.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. capito qui per caso...bello il tuo panettone. io non l'ho mai fatto. Complimenti per il blog.

    RispondiElimina
  10. @Morena
    Ho visto che hai preso coraggio, bello il tuo pandoro a stella.
    Meno male che anche il mio, nonostante la forma, è buono ^-^

    @luxus
    Ma dai cara.... questo aggettivo lo lasciamo a chi crede di meritarlo per davvero.
    Comunque, grazie tante delle belle parole, sei molto gentile! Kiss!

    @marsettina
    @Federica
    Grazie carissime! Baci!!!!

    @Jul e Mo
    Giulia carissima, ti devo confessare che, se proprio devo scegliere: preferisco il panettone ^-°
    Per i manju: tu hai fatto la ricetta originale, con anko (marmellata di azuki), buoni!!!
    Non ti so dire, a me non attaccano!
    Il mio cestello è in acciaio, anche il tuo?
    Se si forma il vapore, non dovrebbero attaccare!
    Per il modo di piegare: bisogna fare tante prove ed alla fine ti verranno dello stesso spessore: ganbatte kudasa! (traduz. metticela tutta) Baci!

    @Milla
    Se pretendi il sapore intenso del pandoro industriale, non ti trovi!
    Quello home made ha il sapore delicato, ma, nello stesso tempo di prodotti genuini.
    So che ci sono in vendita delle fialette, con i vari sapori (panettone, pandoro, ecc), che si possono aggiungere per dare il sapore del prodotto industriale.
    Baci!!!!

    @Manu
    Carissima amica mia, mi dispiace veramente del periodaccio!
    Meno male che passano!!!
    Grazie delle bellissime parole, sei dolcissima!
    Aspetto le tue meraviglie!!
    Baci, baci!!!

    @ilcucchiaiodoro
    @Orchidea
    @EssenZadiCanneLla
    @Clementina
    Grazie ragazze, sono felice di ricevere la vostra visita! Baci!!
    Prego, una fetta per una, ce la dovremmo fare!!
    Bacioni a tutte!

    RispondiElimina
  11. meravilgiosi questi panettoni , vorrei sapere come posso sostiure i lincoli con il lievito di birra , che si fa si dimezza o cosa oppure cè qualche altro modo , vorrei provare , grazie!

    RispondiElimina
  12. Ciao Anna,
    mo pure il pandoro!!!! ma sei forte!!
    A proposito di pasta madre &co ti invito a vedere il mio primo video su come preparare il pane, se ti va avviamente ;-)
    Prima o poi farò l'esperimento di trasformare la pm in li.co.li, ma non ho il coraggio e un po mi dispiace!!!
    ciao antonella

    RispondiElimina
  13. @Mary, scusa ma i tuoi messaggi non mi vengono visualizzati, non so perché! Meno male che c'è stato un altro messaggio, così ho potuto vedere anche il tuo.
    Io non ho mai fatto il pandoro con il lievito di birra, ma se vedi questo di Manuela è lo stesso di quello che ho fatto io, cioè delle Simili, ma con ldb

    @pappareale!
    Antonella, ho intravisto il tuo blog, bella anche la parte inerente la pasta madre. Sei diventata una grande esperte!
    Appeno ho un attimo di tempo vengo a vedere bene!
    Licoli, secondo me, è più adatto a chi non ha molto tempo da dedicare alla cura della pasta madre (parlo dei rinfreschi ravvicinati).
    Penso che tu potresti convertire solo 10-20 gr della tua pasta madre, come ho fatto io, e poi fare il raffronto.
    Baci carissima!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)