martedì 6 ottobre 2009

Schiacciata, ma con kaki e fichi e con lievito liquido


Anch'io ho fatto la schiacciata, ma senz'uva. Principalmente perché è molto costosa (un solo grappolone costa 1.000 yen circa=7,70 euro circa) e poi perchè il mio albero di kaki si sarebbe offeso ^-^!
Stuzzicata da Milla, che mi suggeriva di usare il mio lievito liquido per la schiacciata, l'ho fatta!
Ma non so se si può chiamare realmente schiacciata, grazie a licoli è venuta altina!


Prima di tutto ho rinfrescato licoli ma, invece dell'acqua ho usato del siero di latte vaccino avanzato dalla ricotta home made che ho fatto recentemente.
Questa volta ho provato a rinfrescarlo con ingredienti di pari peso (il primo rinfresco: 10gr licoli+10gr siero+10gr di farina di forza), così anche il secondo rinfresco ed il poolish.


Grazie al siero è fermentato meravigliosamente, lo si può vedere dalla foto.

Per la schiacciata
140 gr di farina di forza
120 gr di poolish
80 gr di siero di latte
20 gr di zucchero
1 cucchiaio di olio evo
1/2 cucchiaino di sale


Ho sciolto il poolish con il siero, l'olio e lo zucchero. Ho aggiunto la farina, il sale ed ho fatto impastare con la planetaria per 10 minuti. Ho messo a lievitare per un'ora, l'ho piegata in quattro e ancora a lievitare per un'ora.
Ho diviso l'impasto in due parti, ne ho tirato un pezzo con le mani ed appoggiato in una teglia appena unta, uno strato di fette sottili di kaki e pezzi di fichi secchi ed ho coperto con l'altra parte di impasto, sigillando le due sfoglie.


Allineate sulla parte superiore le restanti fette di kaki, un giro d'olio e zucchero ed ho fatto lievitare ancora due ore.
Ho infornato a 180°C per 50 minuti circa.


Quindi a raffreddare sulla grata.
Io non ho mai mangiato la schiacciata di uva, non so se è completamente diversa da questa, ma sono certa che è buonissima!

Annotazioni:
La prossima volta proverò a farla più sottile.
Lo zucchero lo spolverizzo poco prima di infornarla, altrimenti si scioglie.
Le dosi, escluso lo zucchero, sono giusto la metà di quelle riportate nella ricetta di Milla, ma si deve tenere presente che il poolish è fatto da 60gr di farina e 60 gr di liquido. Per questo, 140 gr di farina più 60 gr di farina del poolish fanno 200 gr.
Ho messo meno zucchero perché i kaki sono molto dolci e poi perché preferisco i dolci poco dolci ^-^.

AGGIORNAMENTO 14 ottobre
L'ho rifatta, niente siero ma metà acqua e metà latte.
Con le stesse quantità in una teglia rettangolare 25X18 cm. Infatti, è venuta una bella schiacciata.


Ho messo lo zucchero sopra prima di infornare, ma si è sciolto come la volta precedente ed è colato sotto la schiacciata, amalgamandosi con la crosta sottostante che è diventata croccante.
Come si vede dalla foto precedente, 5 minuti prima di sfornarla ho spolverizzato dell'altro zucchero semolato, ma ho esagerato.


Dopo un po' lo zucchero si è sciolto nuovamente lasciando la superficie lucida (questo va bene!!!) con un bel colore dorato.


La prossima volta metterò meno zucchero e solo poco prima di sfornarla.

Anche questa ricetta partecipa alla raccolta "Non Solo Prosciutto e Fichi" delle simpaticissime gemelline Manu e Silvia

*************************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)

*************************************

12 commenti:

  1. Ciao!

    Complimenti per la tua schiacciata molto originale!
    Io proprio oggi ho fatto una cosa simile con l'uva e lo yogurt nell'impasto...chissà se si assomigliano!

    RispondiElimina
  2. Che bello questo abbinamento! entrmabi molto dolci ed entrambi frutti di mezzo tra due stagioni!
    Grazie per aver partecipato! eh si..un successone..immaginati il pdf ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  3. @Titti Giramondo
    Grazie della vista carissima.
    Bello il tuo pane con l'uva, penso che il sapore somigli dato l'aggiunta di yogurt.
    Sul tuo blog ho adocchiato la torta alle prugne con streusel, mi tenta! Chissà con i kaki come viene!

    @manu e silvia
    E, sì! Sarà una grande impresa fare il pdf, ma voi siete speciali e ci riuscirete senza problemi!
    Questa è la seconda ricetta di fichi che vi ho mandato ^-^.
    Baci!

    RispondiElimina
  4. Bella!! anche il mio kaky è bello depresso....mi sa che questa la applico!
    Marty

    RispondiElimina
  5. Interessante questa schiacciata e dev'essere buonissima!

    RispondiElimina
  6. anna,
    ho l'impasto che lievita con la mia pseudo-pastamadre ( sarà pure inventata di sana pianta, ma come lievita bene! ;)dmi sa che un pezzetto lo sacrifico alla schiacciata alla frutta. non ho ne kaki ne fichi secchi, ma un bel grappolo s'uva si, anche se bianca... tanto anche la pasta è tarocca ;-))))

    RispondiElimina
  7. @clamilla
    Martina, non bisogna scontentare gli alberi di casa ^-^!!

    @Mary
    Diversa dalle altre. Vorrei assaggiare l'originale con l'uva ma qui non trovo quella che serve, peccato!

    @luxus
    ma anche la schiacciata è taroccata ^-'!
    Se vuoi, ti mando un poco della mia pasta madre secca, ma poi ti tocca convertirla.
    Altrimenti guarda qua o qua
    Se non mastichi questo tipo di inglese (è australiano!!!), vai di traduttore computerizzato ^-^!!!

    RispondiElimina
  8. grazie , siti interessantissimi... una delle ricette somiglia ad uno dei miei tentativi. eheheh, non s'inventa mai niente di nuovo ;-)

    vado di tarocco allora ;-)))))

    RispondiElimina
  9. Cara Anna,

    penso che la torta con lo streusel verrebbe bene anche con i cachi, magari metti un pò meno zucchero nell'impasto della base...io l'ho provata anche con le mele (buoooona) ed un amico ci ha messo invece le pere e la cioccolata (che bomba!)...se decidessi di provare quella coi cachi, fammi sapere come viene, che son curiosa ;)

    RispondiElimina
  10. Che bella idea che hai avuto cara Anna, ho visto solo adesso il messaggio che mia vevi lasciato e mi sono fiondata, una meraviglia, forse è un pò più alta, ma un pò deve esserlo anche la mia non era venuta proprio a schiacciata! Complimenti, ogni volta che vedo come impieghi questo lievito mi ricordo che devo trovare il tempo di fare la conversione!

    RispondiElimina
  11. @luxus
    Ma tanto, chi decide qual è l'originale e quale il tarocco?
    E' sempre soggettivo!!!

    @Titti Giramondo
    Come ti ho scritto, l'ho fatta!
    E' buonissima!!!
    Appena ho un poco di tempo, la posto!

    @Milla
    Grazie alla tua ricetta, era buonissima, anche se alta!!
    Il lievito liquido è un portento!!!

    Baci a tutti!!!

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)