giovedì 16 maggio 2013

La mia proposta di impasto base nr XX per la Cuochina

Io ed Ornella abbiamo raccolto il guanto di sfida lanciato dalla Cuochina di "Quanti modi di fare e rifare": preparare un lievitato che possa diventare "lmpasto Base nr 6 della Cuochina".
Spero che non siano le uniche proposte presentate alla Cuochina, resterebbe delusa dalla bassa partecipazione alla sua sfida.
Per cui rivolgiamo un invito a chi ha qualsiasi tipo di licoli in frigo e lo usa quotidianamente, di provare a fare qualcosa.........non lasciamo la Cuochina a bocca asciutta, meglio dire a pancia vuota!! Troviamo tutte le indicazioni QUI, dai forza e coraggio, vi aspettiamo!!
 
Io ho preparato questo impasto base (che può diventare il 6° - 7° - 8°- ecc) con cui ho fatto una mini baguette ed una pizza, due lievitati salati, ma se si aggiungono due decimi di parte di zucchero o altro dolcificante, si può fare qualcosa di dolce.
La novità di questo impasto sta nel fatto che si parte dalla quantità di licoli attivo a disposizione.

N.B.
"io avevo a disposizione 150 gr di licolfrutta"

Per il primo impasto ho usato
- tutto licolfrutta rinfrescato due volte (150g)
- stesso peso di acqua naturale tiepida (150g)
- stesso peso di semola rimacinata (150g)

Ho sciolto licolfrutta (licolfico) con l'acqua tiepida, quindi ho aggiunto la semola rimacinata, ho mescolato con il cucchiaio (stesso procedimento dei rinfreschi) e fatto lievitare al caldo per 3 ore circa. A questo punto era più che raddoppiato, ma bisogna tenere conto che, in questa stagione, la temperatura è abbastanza alta, in inverno potrebbe impiegarci di più.

Per il secondo impasto ho usato
- tutto il primo impasto (450g)
- stesso peso del licolfrutta del primo impasto, di farina di forza (150g)
- un decimo dello stesso peso di olio evo (15g)
- sale qb

Al primo impasto ho unito la farina di forza, l'olio ed il sale ed ho impastato a mano. Era un poco appiccicoso, ma si è compattato facendo delle pieghe dopo averlo sbattuto ripetutamente sul piano lavoro (vedere foto sottostante), ma questo problema dipende da quanto assorbe la farina, se più di questa mia potrebbe anche non essere appiccicoso. 
Ho messo a lievitare al caldo, in una ciotola appena unta, per 4 ore circa. Anche in questo caso era lievitato tantissimo, era arrivato all'orlo della ciotola, tenendo conto sempre della temperatura di questa stagione.
Ho travasato l'impasto sul piano lavoro infarinato, ne ho tolto un pezzo per fare la pizza a cui ho fatto una piega a tre, appallottolato e messo a lievitare.
All'altro pezzo ho fatto due pieghe a tre e, quindi, ho dato la forma di una piccola baguette, l'ho messo a lievitare per un'ora e mezzo, (con due fermi laterali per non farlo allargare), nella leccarda coperta da carta forno,  l'ho spolverato di semola e dato dei tagli obliqui sulla calotta..
L'ho fatto cuocere a 250°C per pochi minuti, e a 200°C fino a cottura.
Avrei dovuto lasciarlo raffreddare più a lungo sulla gratella, ma l'ho tagliato subito perché era ora di cena e volevamo mangiarlo
.Così era il giorno dopo, soffice e buonissimo

Pizza
Con il pezzo tolto all'impasto totale, ho fatto questa pizza, mentre il pane cuoceva l'ho steso con le mani, allargandolo dal centro verso i bordi. Ho messo sopra dei pezzi di pomodoro e fatto cuocere a 250°C per 8~10 minuti. L'ho messa fuori dal forno ed aggiunto dei pezzi di pancetta, un poco di origano fresco, il sale ed un giro d'olio evo. Ho fatto cuocere ancora per 8~10 minuti. Per ultimo ho messo la mozzarella per pizza e lasciata ancora 5 minuti nel forno nel ripiano più alto. Poco prima di mangiarla ho aggiunto del basilico fresco.
Cosa dire........ E' proprio un bell'impasto :))


Per la sfida della Cuochina :-)

*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
*******************************

7 commenti:

  1. Molto soffice, quelle fette sono una nuvola.

    RispondiElimina
  2. Che perfezzione questo pane !!!!
    HO solo l'imbarazzo della scelta, provare prima il tuo o quello di Ornella?
    cara amica un abbraccio :))))

    RispondiElimina
  3. Non saprei dove iniziare ad assaggiare..pizza o pane? Ti sono venuti entrambi stupendi carissima!!
    Mi sono sempre dimenticata di dirti che qualche giorno fa ho preparato le mie solite rosette ma stavolta ho provato il doppio impasto come fai tu..beh sono venute molto meglio!! Sei geniale come sempre :-) Baci

    RispondiElimina
  4. *__* fame io!
    Uno splendore!

    RispondiElimina
  5. Sia il pane che la pizza dovevano essere sicuramente molto buoni. Certo che il guanto raccolto da Ornella in Norvegia, ha fatto un bel viaggio (lol). Buona domenica.

    RispondiElimina
  6. Carissima, che pane e pizza stupendi... perdonami il ritardo.
    Carpiatissimo ;-)

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti, siete sempre molto gentili.
    E' un impasto molto pratico e si presta a tante varianti.
    Baci a tutti ;)

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)