domenica 22 gennaio 2012

Panini fantasia al latte con licoli


E' da un po' che faccio questi panini, sono di facile esecuzione e di sicuro successo. In freezer restano perfetti per molto tempo.
Gli ingredienti ed il procedimento sono quelli dei koulouria di Ornella, che abbiamo preparato in tante il 6 ottobre 2011 per "Quanti modi di fare e rifare".
Questi miei sono senza ripieno e senza sesamo, semplici panini da farcire con tutto quello che piace, dolce o salato non importa.
  • 150gr di licoli molto attivo
  • 300 gr di farina di forza (12%~13% di proteine)
  • 180 gr di latte intero tiepido
  • 1 cucchiaino di malto
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di olio evo
Procedo sempre in questo modo:
- Nella ciotola della planetaria sciolgo licoli con tutto il latte tiepido, unisco l'olio, il malto e la farina in tre volte (occhio alla quantità della farina, potrebbe essere troppa, l'impasto deve essere compatto ma morbido) e faccio incordare.
- Lascio riposare l'impasto per 30 minuti circa (autolisi), quindi aggiungo il sale e continuo ad impastare sintanto che l'impasto non si stacca dalla ciotola.
- Lo trasferisco in un contenitore appena unto e copro con pellicola per alimenti ed una salvietta, lascio a temperatura ambiente per un paio d'ore, faccio delle pieghe all'impasto e poi in frigo sino al giorno dopo.
- Quindi riporto l'impasto a temperatura ambiende e faccio lievitare per un paio d'ore.
- Divido in pezzi da 60 gr circa e, sul piano di lavoro ben infarinato, faccio sbizzarrire la mia fantasia in forme diverse e faccio lievitare sino al raddoppio.
- Preriscaldo il forno a 200°C, spennello i panini con una miscela di acqua e latte in parti uguali, e faccio cuocere per 25~30 minuti.

L'interno è sofficissimo e l'esterno dorato e morbido. Sono ottimi farciti e favolosi senza niente.

Restano morbidi per alcuni giorni chiusi in sacchetti di plastica per alimenti, basterà farli riscaldare in forno e tornano come appena sfornati.
Per un più lungo mantenimento, tenerli in freezer dopo averli chiusi in sacchetti di plastica per alimenti.
Grazie Ornella della bellissima ricetta.

*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
 
*******************************

23 commenti:

  1. Si vede la sofficità dei panini , brava ottimi sono!

    RispondiElimina
  2. Copiati....in genere faccio un pane grande ma questi li provo, con il mio lievito madre bello rinfrescato.
    francesca

    RispondiElimina
  3. Ciao Anna, sono andato a rivedermi tutte le ricette che hai pubblicato durante la mia assenza. Una migliore dell'altra. Purtroppo, nonostante le ricerche non riesco a trovare il licoli qui a Montpellier, ma cercherò di salvarmi con il lievito normale. Un amichevole abbraccio.

    RispondiElimina
  4. meravigliosi!!!
    ma te li immagini con il salame???

    RispondiElimina
  5. Anche a me i kouluria sono piaciuti molto, ma non avrei mai pensato di farci dei panini. Grazie della bellissima idea. Purtroppo non ho il licoli ma ho trovato un lievito madre secco e proverò a fare questo pane!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Il mio cucciolo se ne sbaferebbe uno o due con la nutella...potrei provarci a farli senza glutine??? o sono troppo chaltron woman per farlo???
    Buona domenica carissima, questi tuoi panini sono leggeri e soffici come nuvole gioiose♥

    RispondiElimina
  7. Ciao Anna hanno un aspetto morbidissimo questi panini, complimenti e buona settimana Alex

    RispondiElimina
  8. Anna cara, non avevo mai pensato di fare panini dalla ricetta dei koulouri! Sei grande! Sono favolosamente soffici...e che forme, adesso me le studio per bene:-D Grazie a te carissima, buon inizio settimana un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  9. sono splendidi...sofficissimi!!

    RispondiElimina
  10. Beh, una regina è sempre una regina e tu,per me (e nonsolo) sei la REGINA DEL LICOLI, un abbraccio e buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  11. Ciao! Sembrano nuvole questi panini! Golosissimi!! Che bello il tuo blog! Passa pure da me se ti va ;-) ciaooo

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti per la graditissima, siete tutti stupendi ;-)

    RispondiElimina
  13. ciao sono Rita sto cominciando a tirare giu un po di ricette per metytere alla prova il mio licoli e volevo sapere quando parli di farina di forza intendi la manitoba o altro, al 12-13% di proreine io ho trovato una semola rimacinata di graNO VA BENE O DEVE ESSERE farina 0? Grazie delle risposte...

    RispondiElimina
  14. Ciao Rita, qui in Giappone non trovo la manitoba ma qualcosa di simile che si misura in forza e proteine.
    Anche la manitoba, in genere, e` forte ed ha il 12-13% di proteine.
    Pertanto, considerala manitoba.

    Ciao

    RispondiElimina
  15. Ciao Anna
    Sono approdata per caso sul tuo blog....e'fantastico!ho riprodotto alcune tue ricette e tutte con ottimi risultati!sono molto soddisfatta,questi panini hanno una mollica che con la pasta madre solida non sono mai riuscita ad ottenere!belli e buoni! Grazie un saluto daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela,
      vuol dire che hai fatto la conversione da pasta madrea a licoli??
      Effettivamente sia il pane che i dolci vengono benissimo con licoli.
      Grazie a te cara per la visita ed il messaggio.
      Buona domenica

      Elimina
    2. Siiiii,ho seguito il procedimento ed ho ottenuto un licoli che mi sta dando grandi soddisfazioni!mentre la pm solida mi da un pane buono ma troppo compatto!eppure il licoli e' suo "figlio"...mi sto tenendo entrambi, per ora,ma non escludo di passare completamente al liquido!ti continuerò a seguire!grazie ancora e buona domenica anche a te!daniela

      Elimina
  16. Dimenticavo....ieri ho fatto la pizza simil napoletana ed e' venuta spettacolare con il licoli...ho seguito la ricetta che sta sul pastonudo....Mai successo con la pm solida!un saluto daniela

    RispondiElimina
  17. Daniela,
    sono contenta che il tuo licoli ti dia così tante soddisfazioni.
    Parli della pizza simil napoletana... ma non è questa?
    Perché il Pasto nudo ha usato molte mie ricette di lievitati, ad iniziare dalla conversione.

    Se ti va di vedere i miei lievitati, ti consiglio di vedere qui e qui, ma quest'ultimo lo devo finire di sistemare perché si è perso del materiale fotografato (sigh!!)

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Ciao ieri ti ho scritto ma evidentemente non sono riuscita a pubblicare il commento!
    No la ricetta non era quella ma questa:
    http://www.ilpastonudo.it/lievito-naturale/pizza-napoletana-quasi-perfetta/

    e poi ho provato anche questa...venuta benissimo!Ottima davvero!
    http://www.ilpastonudo.it/lievito-naturale/pizza-stratosferica-con-la-bianca/
    Grazie per l'invito...sto attingendo a piene mani dalle tue ricette...ho provato con successo sia il plumcake che i panini!!quando ho tempo provo la treccia russa e ti faccio sapere!Grazie ancora dei consigli
    Unbacione
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, ho visto la pizza napoletana, l'ha presa dal blog di Adriano.
      Invece per la pizza stratosferica è stata usata questa mia "Pizza da taglio con poolish con scarti della conversione" come ti avevo indicato nell'altro messaggio.
      (Se vedi, nella pagina del Pasto nudo c'è scritto: Ho adattato la ricetta che Anna, di “c’è di mezzo il mare” (ricordate? ve ne avevo parlato nel post sulla pasta madre liquida) aveva preparato con la pasta da riporto)

      Grazie per il tuo entusiasmo nei confronti di licoli, mi fa sempre piacere quando viene apprezzato.
      Aspetto tue notizie
      Un abbraccio

      Elimina
  19. Ah ecco...sto mischiando tutto quello che leggo!Scusa...mi sono confusa!
    Grazie di avermi indicato altre ricette interessanti...sai ho due bimbi che apprezzano...ma il tempo è poco...ahime'!
    Presto proverò anche il panettone...anche se ho un po'di timore visto che la preparazione è molto lunga!Devo stare in ferie qualche giorno per riuscire a seguire passo passo la ricetta;)
    Ti farò sapere comunque!
    ciaociao
    Daniela

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)