martedì 22 marzo 2011

Un danubio quadrifoglio come portafortuna


L'11 marzo alle 14:46, al momento della scossa di terremoto che ha colpito la zona nord-est del Giappone, avevo già preparato e messo a lievitare il mio "danubio" per MT Challenge di marzo con la ricetta di Tery.
Già dal giorno prima avevo fatto 3 pseudo rinfreschi al mio licoli e la sera, prima di dormire avevo impastato tutti gli ingredienti e messo in frigo a riposare.

Mi piaceva l'idea di farcire una parte dei panini con pomodoro fatto asciugare in padella con poco sale, ricotta e origano fresco, e la restante parte con acciughe sott'olio, mozzarella per pizza e basilico e dargli la forma ben augurale del "quadrifoglio".
Dato che, per motivo di studio, mia figlia è in Italia per tutto il mese di marzo ed io che sono una mamma apprensiva abbastanza preoccupata, ho voluto ralizzare questo "お守り” (si legge: omamori e significa portafortuna) come augurio di buon soggiorno a mia figlia.
Il fatto è che omamori è stato benigno solo con mia figlia, dimenticandosi di proteggere anche tutte quelle persone che sono state travolte prima dal terremoto e poi dallo tsunami. Forse avrei dovuto essere più esplicita quando ho pensato di dargli la forma di portafortuna. O forse la sua potenza era così debole da bastare appena per la mia famiglia.
Sarebbero serviti almeno 21.000 quadrifogli.

Gli ingredienti di Tery ed in rosso i miei, ho fatto delle modifiche perché ho sostituito il lievito di birra con il mio lievito naturale in coltura liquida familiarmente chiamato "licoli"

500 gr di farina (300 gr di farina di forza)
150 gr di latte (90 gr di latte)
3 tuorli ed 1 uovo intero (2 uova intere)
1 cucchiaino di sale (5 gr di sale)
10 gr di lievito di birra (180 gr di lievito liquido (licoli) molto attivo (pseudo-rinfreschi)
40 gr di zucchero (30 gr di zucchero)
1 cucchiaino di miele (1 cucchiaino di malta)
80 gr di strutto (40 gr di strutto)

Nella planetaria ho unito licoli, latte tiepido, malto, zucchero, uova e ho fatto amalgamare bene il tutto. Ho aggiunto la farina setacciata e mescolato. Ho fatto riposare l'impasto per circa 20 minuti.
Ho quindi aggiunto il sale, lo strutto ed il burro a piccoli pezzi, poco per volta per farli inglobare bene ed ho fatto mescolare con il gancio ad uncino per 5 minuti a velocità 3.
Ho travasato l'impasto in una ciotola appena unta di olio evo, coperta con pellicola per alimenti e copertina.
Per 3 volte, ogni 30 minuti ho fatto delle pieghe all'impasto. Quindi, ancora nella sua ciotola, l'ho messo in una busta di plastica e lasciato in frigo per tutta la notte.

L'indomani mattina era bello gonfio (nonostante il freddo del frigo, era lievitato), l'ho lasciato a temperatura ambiente e quindi l'ho diviso in pezzi da 55 gr e farciti come ho riportato sopra. Li ho richiusi bene e messi a lievitare uniti a 4 in un cestino che li conteneva. Ho fatto un quadrifoglio ed un tarallo.
Fatto lievitare sino al raddoppio e spennellato con latte. Ho infornato a 220°C per 5 minuti, vaporizzando bene il forno, e a 180°C sino a cottura completa.

L'interno è molto soffice e la crosta delicatissima.
Anche se questa preparazione mi rammenta il dramma del terremoto e dello tsunami, ho rifatto altre due volte questo impasto dando la forma di paninotti. E' un impasto che dà molte soddisfazioni.


*************************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
*************************************

27 commenti:

  1. bisogna ricominciare

    mi piace molto l'interno dei paninotti

    RispondiElimina
  2. bellissimo il tuo Danubio! e grazie per la tua partecipazione! Buona giornata
    Dani

    RispondiElimina
  3. Cara Anna il tuo omamori è un piccolo passo verso un cielo azzurro.
    Per inciso sento il suo profumo!

    RispondiElimina
  4. Ciao
    sicuramente buonissimo con un ripieno stuzzicante, un quadrifoglio che saprà proteggervi

    un grande abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  5. sei davvero troppo brava con i lievitati! ho fatto la tua ricetta del panbrioches burroso, è fantastico, complimenti! ;-)

    RispondiElimina
  6. Anna cara è bellissimo e che soffice! Sono certa che sarà un grande portafortuna perché la passione e l'amore con cui cucini non può che trasformarsi in energia positiva!Baci

    RispondiElimina
  7. Oltre ad essere una meraviglia dev'essere anche gustosissimo!!!Non vedo l'ora di provarlo :D

    RispondiElimina
  8. a me piace il danubio, ma questo fatto con licoli mi piace ancora di più e lo proverò molto presto, poi questo ripieno così appetitoso, da leccarsi i baffi....un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna, porterà fortuna senz'altro anche se la fiùortuna in questo caso ha bisogno di una "spinta" ma quel popolo così uniti, dignitoso "eroico" ce la farà...un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  10. proprio un'idea sfiziosa e poi un po' di fortuna non guasta mai!

    RispondiElimina
  11. @ValeTork
    @daniela
    @Mirtilla
    @Fabipasticcio
    @Francesca
    @Manu
    @Fairyskull
    @www.deliziadivina.it
    @ornella
    @sonia
    @Tamtam
    @Clementina
    @accantoalcamino
    @sulemaniche

    Grazie a tutte ;-)
    Purtroppo poco fa dicevano in TV che non sarebbero bastati 21.000 quadrifogli, sembra che ne servissero più di 23.000

    Un abbraccio grande a tutti

    RispondiElimina
  12. Un abbraccio stretto stretto!
    Ti penso spesso
    Chiara

    RispondiElimina
  13. Ciao Chiaretta, grazie mille.
    Ma qui non ci sono grossi problemi.
    Vediamo come si evolve la faccenda di Tokyo, acqua con percentuale fuori norma. Diventa ingestibile la cosa.
    La settimana prossima vado a Tokyo e non vorrei dover bere solo coca cola ^-^!
    Come sta la principessina?
    Un abbraccio a tutta la famiglia

    RispondiElimina
  14. Ciao Anna,
    solo il tuo pensiero così bello fa capire la forza del tuo omamori.

    Questo danubio ne sarà carico e per questo ancora più speciale!

    RispondiElimina
  15. Grazie Tery, hai usato delle parole speciali anche tu.
    Certo che le mamme si appoggiano persino ad un danubio per alleviare le proprie fisime ;-)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. Anna tesoro, sei una persona speciale e il tuo pensiero, il tuo dolore, il tuo dispiacere si sentono anche a mille miglia di distanza... le tue parole mi hanno commossa, ma purtroppo contro certe circostanze siamo impotenti e purtroppo 23.000 quadrifogli non sarebbero serviti lo stesso... Ti abbraccio fortissimo
    Stefania

    RispondiElimina
  17. Bella idea! A quest'ora non ci starebbe male un assaggio.
    Buon weekend

    RispondiElimina
  18. che carino!! complimenti è molto bello ^_^

    RispondiElimina
  19. @fantasia
    Stafania, grazie per le tue belle parole. Un bacione!

    @Andrea Libertella
    @Erica
    Grazie mille anche a voi. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. non sai che piacere è leggere i tuoi post, significa che nonostante tutto continui a fare ciò che ti piace fare. Soprattutto grazie per il post sulle menzogne che ci raccontano in Italia!
    E' sempre un piacere rubacchiarti qualche ricetta!

    RispondiElimina
  21. non avevo letto questo tuo post, che mi ha fatto venire una grande malinconia, ma anche un gran senso di ammirazione verso la tua forza il tuo essere così solida e serena in questa circostanza.

    continuo a seguire ogni giorno le notizie dal giappone, anche se sono già scomparse dalle prime pagine dei giornali, che forse è meglio visto il tipo di informazione che abbiamo qui da noi.

    un abbraccio e complimenti per il tuo bellissimo danubio.
    credo che questo mese dovresti veramente vincere tu, anche perché un lievitato così splendidamente soffice con il licoli mi sembra una vera opera d'arte!

    RispondiElimina
  22. @ristoranti di roma
    Grazie mille.
    @Mara
    Si, Mara. Qui tutti cerchiamo di continuare con la vita di sempre, nel possibile. I giornali difficilmente dicono come stanno veramente le cose, loro devono convincere l'opinione pubblica.
    Un abbraccio
    @La Gaia Celiaca
    Ciao Gaia, grazie!
    Sei molto cara. Baci

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)