sabato 24 aprile 2010

Tarallini pugliesi


Qualche giorno fa ho ricevuto una richiesta da fizzi: come si fanno i taralli veramente?
E' una domanda da cento punti, ci sono tantissime versioni e tutte diverse l'una dall'altra.
Io ricordo che mia madre ci metteva il lievito di birra ed usava vino bianco tiepido.
L'anno scorso li ho fatti anche senza lievito, nella lezione di cucina italiana che faccio una volta al mese.
Erano buoni, ma non sono rimasti friabili a lungo.

A fizzi posso proporre questa ricetta, che penso sia molto simile a quella usata da mia madre, ma non posso assicurare che sia la vera ricetta dei tarallini pugliesi.
Li ho lasciati in una scatola di latta ed anche il giorno dopo erano croccanti come appena fatti

Ingredienti
200 gr di farina 00
50~55 gr di vino bianco tiepido
45 gr di olio evo
1 cucchiaino raso di sale
1/2 bustina di lievito di birra disidratato (3 gr)
semi di finocchio
semi di sesamo nero
peperoncino


Sciogliere il lievito nel vino bianco tiepido e mescolare con la farina, aggiungere l'olio ed il sale e impastare.
Dividere l'impasto in tre parti e unire ad ognuno di questi una spezia: semi di finocchio, semi di sesamo nero, peperoncino.


Formare tre palline e lasciare riposare, ben coperto, per un'ora circa. Dividere ogni pallina in pezzi da 15 gr. Con le mani unte d'olio, allungare i pezzi e chiuderli ad anello.


Lasciare lievitare in forno a 30°C fino al raddoppio. Portare ad ebollizione dell'acqua appena salata, con dentro delle fave bianche (Lucianna dice che servono per farli diventare lucidi) e tuffare 3-4 tarallini per volta. Appena risalgono a galla, toglierli dall'acqua ed appoggirli sulla carta forno che ricopre la teglia.
Far cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 25~30 minuti circa.


Questo è l'interno.
Appena raffreddano, chiuderli in una scatola di latta per farli restare croccanti più a lungo.

17 commenti:

  1. sei stata bravissima...sembrano proprio quelli che fa il fornaio dietro casa mia! complimentoni

    RispondiElimina
  2. Negli ultimi giorni cara non ti si sta dietro! Una ricetta più golosa, stuzzicanete ed invitante dell'altra, dal dolce al salato ^_^ Sono una fan dei taralli e se non li compro è solo per evitare di finirli tutti alla velocità della luce. Certo che se mi metto a farli in casa...AIUTOOOOO! Sono favolosi, complimenti.
    Un bacione mani d'oro :**

    RispondiElimina
  3. wow che meraviglia!! complimenti!

    RispondiElimina
  4. @raffy
    Ho cercato di ricordare come li faceva mia mamma.
    Somigliano molto anche se non sono uguali, ma penso di essere andata molto vicino ^-^!

    @Federica
    Fede, anch'io non riesco a staccarmene.
    Infatti li preparo molto di rado, altrimenti.....
    Baci tesoro!

    @Federica
    Grazie cara!

    Buona domenica a voi tutte, kiss!!!!

    RispondiElimina
  5. LItalia è terra dei mille taralli, già in una stessa regioen ne esisistono più versioni!
    Io son cresciuta a taralli, essendo stata 8 anni in puglia... una vera droga, quelli che mangi lì son impagabili! devo dire che non ho mai provato a farli e questi tuoi già dall'aspetto me li ricordano tanto... devo provarli!
    grazie!;)... sempre bravissima!

    RispondiElimina
  6. La versione con il lievito di birra non l'ho provata, la trovo interessante!

    RispondiElimina
  7. *_* io li adoro! mi piacciono un casino, la tua ricetta è molto aprticolare, me la segno.. ciao!

    RispondiElimina
  8. Ciao Anna, finalmente stamani sono tutti a scuola, università e lavoro....così finiti i festeggiamenti posso "lievitare" quanto voglio...per i taralli posso usare il licoli normale, non di semola, ce l'ho bello attivo? baci baci

    RispondiElimina
  9. @terry
    Grazie cara, anche a me piacciono i tarallini, mi ricordano la mia terra!
    In quale parte della Puglia, io sono originaria di Taranto.
    Baci!

    @Tania
    Io li ho fatti in entrambi i tipi, li preferisco col lievito.
    Ciao carissima!

    @FairySkull
    Abbiamo li stessi gusti ^-^!
    Un abbraccio!

    @Tamtam
    Tamara, ma quanti giorni di festeggiamento??????
    Auguri ancora carissima!
    Sì che puoi usarlo!
    Allora segui la ricetta di Lucianna, mi sembra ideale.
    La mia è con lievito liofilizzato, la prossima volta li provo anch'io con licoli.
    Bacioni!

    RispondiElimina
  10. Ottimi questi tarallini! Piacere di conoscerti, mi somo iscritta come tua sostenitrice, a presto. . .

    RispondiElimina
  11. Grazie Anna! Li confezionerò questo we,mi sembra una ricetta perfetta,e anche loro lo sono…questa cosa della lievitazione mi incuriosisce molto,ti terrò aggiornata,e…grazie per la disponibilità e la pazienza,un abbraccione
    francesca

    RispondiElimina
  12. Ecco di questi Anna ne mangio in quantità industriale ihihihihih quanto mi piacciono :-))))
    Bacio

    RispondiElimina
  13. Ps Mela mi ha portato il Matsoni!!!!!!

    RispondiElimina
  14. @speedy70
    Grazie, l'ho fatto anch'io!
    A presto!

    @Mirtilla
    Grazie carissima!

    @fizzi
    Francesca, spero che siano di tuo gradimento!
    Anche dopo 3 gg erano ancora croccanti, ma li avevo messi in una scatola di latta.

    @Ale
    Grazie Ale, anche a me piacciono tanto!
    Che bello!! Anche tu Matsoni!!!!
    Evvaiiiiiii!!!!

    RispondiElimina
  15. Anna sei bravissima, proverò a farli anch'io, sono super golosa di tarallini pugliesi!!
    Un abbraccio e complimenti per il tuo blog!
    chiara

    RispondiElimina
  16. @Blueberry
    Grazie Chiara, sei molto cara!
    Abbiamo qualcosa in comune: i tarallini pugliesi ^-^!
    Baci!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)