giovedì 25 marzo 2010

Anch'io "Treccia Russa" ma con licoli di semola rimacinata


Che buona la "Treccia Russa", era da tempo che non la facevo, ma è la prima volta che la faccio con licoli, e per di più rinfrescata con semola rimacinata, ed in uno stampo da ciambella.

Questa è una ricetta super copiata, basta digitarne il nome per vedere in quanti si sono cimentati.
La capostipite è stata Manuela di "Profumi e colori", tutti abbiamo copiato da lei ^-^!

Qui c'è l'ultima realizzazione di Manuela, fatta con lievito liquido

Non so se è un dolce pasquale, ma lo potrebbe essere!
La ricetta originale prevede il ldb, e così l'ho fatta tantissimi anni fa, ma ormai cerco di evitare l'uso del ldb a favore del lievito naturale in coltura liquida (l'acronimo del suo nome è licoli).

Avendo intenzione di fare la focaccia pugliese con licoli, ho iniziato a fare i rinfreschi con la semola rimacinata.

A dire il vero sono degli pseudo-rinfreschi, vediamo se riesco a spiegare in modo chiaro questo procedimento:

- Ho preso 20 gr di licoli dal frigo, ho aggiunto 20 gr di acqua e 20 gr di semola rimacinata, ho lasciato fermentare per 6-8 ore, a questo punto
- ho aggiunto al lievito precedente 20 gr di acqua e 20 gr di semola rimacinata, ho lasciato fermentare per 6-8 ore, ed
- ho continuato, per 2 giorni, a fare questi pseudo-rinfreschi aggiungendo 20 o 30 gr di acqua e la stessa quantità di semola rimacinata ogni volta.

Con questo licoli ho fatto il "Pane con licoli di semola rimacinata", me n'è avanzato un poco che ho continuato a rinfrescare come prima e con una parte del quale ho fatto questo stupendo dolce.


Io ho usato queste quantità


100 gr di licoli, rinfrescato con semola rimacinata, molto attivo
(è preferibile usarne 130-150 gr, lievita meglio)
45 gr di burro morbido
45 gr di zucchero
1 uovo
200 gr di farina
niente sale, ho usato burro salato

Verso le 21:30, nella planetaria, ho fatto sciogliere licoli con uovo, burro e zucchero, ho unito la farina ed ho fatto impastare, ho formato una palla che ho fatto lievitare sino alle 9:00 della mattina successiva

Ho steso l'impasto in un rettandolo che ho spennellato con burro e zucchero e poi con marmellata di arance amare.

Ho arrotolato l'impasto dal lato più lungo, cercando di non far fuoriuscire la marmellata, formando un bel rotolino

ne ho tagliato e messo da parte un pezzo da 4 cm circa, la restante parte l'ho divisa a metà nel senso della lunghezza, lasciandone attaccato 4 cm

ed ho intrecciato. Ho imburrato e spolverato di farina un stampo da ciambella ed ho inserito dentro la treccia. Ho aggiunto il pezzo di impasto, tagliato e messo da parte, per formare la seconda rosa.
Ho lasciato lievitare coperto a campana e con una copertina di pile sino alle 16:00 circa.
Ho infornato a 180°C per 40 minuti circa. Per i primi 10 minuti ho coperto la parte superiore con dell'alluminio per non farla bruciacchiare.

Estratta dallo stampo e spolverizzata con zucchero a velo.
E' soffice e profumata, fredda diventa ancora più buona ^-^

*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
*******************************

16 commenti:

  1. Posso solo dire che mi stanno sbalzando fuori le pupille ^_^ Ogni volta che vedo un lievitato rimango a bocca aperta e se è pure così bello e buono...Mamma che voglia di provarla! Complimenti tesoro, sei davvero troppo brava SMACK!

    RispondiElimina
  2. Bravissima!!!!ti è uscita benissimo....complimenti di vero cuore!!! un bacione

    RispondiElimina
  3. cOMPLIMENTI PER LA TRECCIA !

    RispondiElimina
  4. Anna carissima,
    ti è venuta benissimo veramente, la ciambella viene benissimo anche se fai due mezze trecce e le metti una seguente all'altra così le rose ti vengono diametralmente opposte, ma anche questa è bellissima e poi buonissima con la marmellata d'arance

    un grande abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  5. PASSO PER IL TUO BLOG PER UN SALUTO E UN SOSPIRO DI NOSTALGIA!

    RispondiElimina
  6. @Federica
    Grazie Fede, ma quanto sei cara!!!
    Tra non molto potrai provare, vero?
    Kiss!

    @Luciana
    Grazie carissima, sei dolcissima!
    Baci!

    @Mary
    Grazie cara, merito della ricetta e di licoli ~-~!

    @Manu
    Grazie dei consigli, ma per le forme mi faccio sempre condizionare dal mio stato d'animo ^-^!
    Kiss! Kiss!

    @Luigi Morsello
    Ciao Luigi, che piacere!!!
    Scusa se quando passo da te non lascio commenti, ma vado sempre di fretta...!
    Un caloroso saluto!

    RispondiElimina
  7. Anna che meraviglia questa colomba...quasi quasi ci provo...ciao!!!!

    RispondiElimina
  8. fantastica questa treccia! aspetta che mi prendo il licoli e poi ti copio tutte queste belle ricettine!
    grazie e un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Auguri di buona Pasqua cara Anna. Wella

    RispondiElimina
  10. Carissima Anna, tantissimi auguroni di buona Pasqua! A che punto è la fioritura dei sakura? Mi spiace non essere più passata ultimamente, ma ho appena comprato casa e puoi immaginare quanto sia sommersa dagli impegni! :)
    Bacioni, tanti saluti anche a tuo marito dal mio.

    RispondiElimina
  11. (^_^) ciao Anna, wow!!!! veramente buona questa treccia ngam!!!! bravissima come sempre (-_^) un abbraccio baci e tanti Auguroni ♥

    RispondiElimina
  12. @Patty53
    @Cristina
    @Wella
    Grazie ragazze, siete stupende!!!
    Passate bene le feste?
    Bacioni!!!

    @Sarachan
    Sara, ho intravisto la piantina della tua nuova casa, ma era a Tokyo da mia figlia e non ho potuto lasciare nessun commento.
    Lo faccio subito!
    I sakura stanno sfiorendo, peccato!!!

    @may26
    Carissima, @ da una vita che non passo a salutarti!
    Bacioni dolcissima!

    RispondiElimina
  13. ciao Anna,ho tutto pronto per preparare la treccia russa con licoli di semola rimacinata ma mi sono fermata perchè ho visto che nel sito di Profumi e colori tra gli ingredienti figura il latte che invece manca nella tua ricetta.E' giusto così o è stato volato? e se si devo usarne 35 ml?
    Scusami se ti disturbo per chiarimenti ma ho da poco iniziato con licoli e non voglio sbagliare
    Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
  14. Ciao Francesca,
    se vedi la mia versione, non ci sono altri liquidi oltre l'uovo, perché licoli è molto idratato e nel mio caso l'impasto non aveva bisogno di altro liquido.
    Ma aggiungere o meno latte nell'impasto, dipende da quanto assorbe la farina, e sta a te verificarlo.
    Se l'impasto è troppo morbido, diventa ingestibile, se invece rimane duretto, si può aggiungere il latte.
    Visto che la farina che userai tu è un tipo in commercio in Italia, ti consiglierei di fare la treccia con la ricetta di Manu.
    Ciao

    RispondiElimina
  15. Ciao Anna,
    ho seguito il tuo consiglio e ho usato la ricetta di Manu togliendo però 10 ml di latte e unendo 20gr in più di farina,La treccia è una favola ma ho faticato a fare l'intreccio perchè l'impasto risultava molto morbido.
    Al prossimo tentativo userò direttamente la tua ricetta così potro vedere se è opportuno o no mettere il latte, Dimenticavo di dirti che comunque per i rinfreschi avevo fatto come te.
    Grazie ancora
    Francesca

    RispondiElimina
  16. Francesca, l'importante che ti sia piaciuta. Lo so che se l'impasto è troppo morbido non si riesce ad intrecciare bene.
    Man mano capirai da sola quando serve o meno idratare l'impasto.
    Buona settimana

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)